domenica 21 ottobre 2012

Crocchette di miglio e castagne



©ricetteveg.com

Il buonumore non è sempre di compagnia. Non so voi, ma certe volte nelle mie giornate sembra non voler più far capolino, probabilmente perché tutto impegnato a fare il vacanziero in qualche isola sperduta dell'oceano. Tant'è, in qualche modo bisogna pur fare. E così arrivano, come supereroi in difesa del sorriso, le polpette: il cibo degli dei!
"Perché no", mi son detta, "se dobbiamo riconquistare il buonumore, niente di meglio di una buona dose di golosità e d'avventura...", ecco perciò che mi son decisa anch'io a lanciarmi intrepidamente nell'esperienza di Salutiamoci, questo mese dedicato alle castagne ed ospitato dalla bravissima Alice, mitica diciamocelo, di Kitchen Bloody Kitchen!
Da brava montanara inside, quale sono, non avrei potuto esimermi dal lanciarmi in questa bella iniziativa: insomma, l'ingrediente del mese è il mio preferito in assoluto, mi serve un trucchetto per riavere il buonumore e mi devo coccolare con qualcosa di sfizioso.
Un, due, tre... via ci proviamo!

Ingredienti
250 gr di miglio già cotto (bio)
200 gr di castagne già cotte e sbucciate (raccolte nel bosco!)
2 patate di Entracque già cotte e sbucciate (bio)
1 manciata abbondante di lievito alimentare in scaglie (bio)
1 manciata abbondante di germe di grano (bio)
1 manciata di rosmarino tritato (raccolto in balcone!)
1 pizzico di cannella (bio)
farina di mais per la panatura (bio)
odori/spezie a piacere per la panatura (tutti sul balcone!)
alloro q.b. (raccolto dalla finestra!)
sale integrale di Trapani e pepe q.b.
olio evo q.b. (bio)

Anzitutto cuocere le castagne secondo ricetta tradizionale: un poco lenta come operazione, ma nulla di troppo astruso. Dopo averle ben pulite, incidere la buccia delle castagne lungo il loro lato piatto, quindi cuocerle per circa 40  minuti in acqua bollente, aromatizzando con qualche foglia di alloro, un pizzico di finocchio selvatico ed una presa di sale.
Una volte cotte sarà sufficiente privarle della buccia esterna, della pellicina marrone interna e passarle al setaccio al fine di ottenere una purea compatta ed omogenea.
Nel frattempo cuocere le patate ed il miglio, badando a seguire attentamente i consigli di cottura del produttore di questo "semi-cereale": spesso molte persone, infatti, lamentano di non amare il miglio a causa della sua consistenza "papposa", passatemi il termine, risultato di una cottura errata.
Il metodo migliore per ottenere un miglio cotto a puntino e ben sgranato, sta - anzitutto - nel lavarlo accuratamente prima di bollirlo, quindi nel farlo asciugare e nel tostarlo in un tegame dal fondo spesso, dopodiché basterà portarlo a bollore in misura pari ad una tazza di miglio su due tazze (massimo due tazze e mezzo se lo si vuol cremoso) di acqua leggermente salata. Una volta portato a bollore è sufficiente abbassare di molto la fiamma, perfetto l'uso di una spargifiamme, e lasciarlo cuocere dolcemente per una ventina di minuti a tegame coperto, senza mai rimestarlo.
Una volta pronti miglio, patate e purea di castagne, preparare il composto delle polpette: impastare assieme purea di castagne, miglio cotto, patate bollite e schiacciate, lievito alimentare in scaglie, germe di grano, rosmarino tritato al momento, cannella ed aggiustare si sale e pepe, fino ad ottenere un impasto ben compatto ed omogeneo, le germe di grano in questo aiutano molto!
Inumidendo le mani formare delle polpette della dimensione preferita, non troppo piccole per evitare che secchino oltremodo durante la doratura: nell'alta cucina ho visto pesare le polpette affinché pesassero 36 gr, non uno in più, non uno in meno!
Pronte le polpette, spennellarle con un filo di olio su tutta la superficie, quindi panarle in farina di mais leggermente salata ed aromatizzata dagli odori/spezie preferiti: ripetere l'operazione di spennellatura con l'olio e di impanatura per un paio di volte, in questo modo si otterrà una doratura perfetta in cottura.
Posizionare le polpette in una teglia rivestita di carta forno, dare un giro veloce di olio evo ed infornare a 250°, rigirandole ogni tanto, giusto il tempo necessario a dorare uniformemente tutta la loro superficie.

Ecco fatto, che il buonumore sia con voi!

SALUTIAMOCI DI OTTOBRE












Salutiamoci, golosissimo gioco di StellaLoCobrizo e Brii: “La sfida consiste nel cucinare qualcosa di buono, bello e soprattutto sano, alla scoperta di nuovi ingredienti nel rispetto della loro stagionalità, approfondendo la conoscenza del rapporto tra cibo e salute, ed evitando soprattutto facili scorciatoie industriali o scelte che prediligano solo l’occhio o il palato senza tener conto della salubrità nel lungo termine”!

29 commenti:

  1. Brava che hai partecipato a Salutiamoci, io con le castagne non ho molto feeling, o meglio mi piacciono anche, senza farmi impazzire, ma so che devo mangiarne poco, quindi in genere evito a monte, ho comprato però sia le castagne che la farina proprio per Salutiamoci. Ho ancora qualche giorno per pensare... :) Mai avrei pensato ad una crocchetta col miglio (altro ingrediente che cerco di usare poco: hanno tutte e due un sacco di zuccheri e calorie, purtroppo!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cì! io adoro sia il miglio sia le castagne, direi che sono tra i miei ingredienti preferiti :)
      Piuttosto, sai che da tempo non mi riesce di commentarti? Ogni volta che lascio un commento da te mi funziona tutto bene, poi invio ed il commento svanisce :( me lo fa spesso anche con Cesca e Chicca, ma picchè?!?

      Elimina
    2. no, ma che peccato! non saprei, ho tolto qualsiasi captcha e moderazione. boh! non sei nemmeno nello spam... non so che dire!

      Elimina
    3. Sì.. è un po', mi succede con alcuni siti su wordpress ed altri, non riesco a capire come mai :(

      Elimina
  2. Grazie Nicole, adoro le crocchette! Vabbé, ok... chi non le adora? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alice, ecc'hai raGGione: le crocchette sono il cibo degli dei! fede le chiama il cibo modulare per eccellenza.. una tira l'altra ihihih

      Elimina
  3. miglio e castagne? ottima idea! brava Nicole, una ricetta scacciatristezza :)
    Io però sono così pigra con le castagne...prendere quelle secche già pelate non è valido vero?
    un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì che vale uguale.. anzi al prossimo giro lo faccio pure io :*

      Elimina
    2. benissimo, allora a breve mi aspetta una spanciata di crocchette!!

      Elimina
  4. Una bomba di buon uomore, miglio&castagne, brava!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Saretts :D Buone non lo so, ma funzionare per il buonumore funzionano!

      Elimina
  5. Miglio e castagne deve essere un'accoppiata vincente da provare! Hai fatto benissimo a dare il tuo contributo, importante, a Salutiamoci ^^ è bello vedere tutte noi blogger unite per un progetto così bello ed interessante ^^ .
    Le tue foto ultimamente sono molto minimal e le apprezzo anche per questo, mettono in risalto ciò che deve essere messo in evidenza... Il cibo buono e sano!
    Sicuramente mi segno la ricetta, sono da provare mi manca solo il lievito alimentare che ometterò perché quì non trovo, al mio rientro a Roma faccio scorta per non rimanere senza ;)

    ps. I momenti negativi ci sono sempre e quando la nube del "cattivo umore o umore sottoterra" arriva, non va' via facilmente, per fortuna c'e il cibo degli dei a venirci incontro a braccia aperte! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica grazie dei complimenti! Le foto, in realtà, sono frutto di una totale pigrizia nel montare tutto l'ambaradam: mi sono rassegnata a prendere quel che viene :)
      Spero che proverai le purpett e che ti piaceranno! Tanti baci :*

      ps: ahimè il malumore quando arriva... quanto tempo che cce vò per farlo scappar via!

      Elimina
  6. anche io penso che le polpette mettano il sorriso, non si può star seri davanti ad una polpetta! ricetta davvero gustosa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le polpette sono la risoluzione definitiva eheh! :D

      Elimina
  7. ma che bontà! complimenti davvero per queste crocchette!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cesca, madò io amoooo le castagne!!! eheheh me ne mangerei a bizzeffe :)

      Elimina
  8. Nico, Nico...perché non vieni a tirare su anche il mio di umore con un vassoio di queste polpettine già pronte????!!!! ;-)
    Hanno tutto quello che mi piace! (Tranne la cottura e sbucciature delle castagne....)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh seeeee al massimo ci dividiamo la pena di sbucciare castagne bollenti, sennò non vale ihihih :D sono diabolica!

      Elimina
  9. Anch'io ne voglio una!!!! Anche se non me la meriterei, visto che ieri ho nutrito dubbi sulla tua identità e non ti ho neanche salutata! :-/

    RispondiElimina
  10. Eheh Flavia è l'era cibernetica :) La prossima volta rischio la figuraccia che c'avevo visto bene :*

    RispondiElimina
  11. Tornato il buonumore? Io quando sono giù di morale apro un barattolino di crema alle nocciole e cacao (equosolidale!) o una marmellata di fichi. Il tuo metodo è molto più salutare!!!

    RispondiElimina
  12. E' arrivato il mio commento? non lo vedo!
    Dicevo che quando io sono giù, vado di crema alla nocciola (equosolidale!) o marmellata di fichi... il tuo metodo è decisamente più salutare! ;-)
    Tornato il buonumore?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sìsì è arrivato :) ho la moderazione per via dei troll e dello spam O___o
      eheheh non ti credere: castagne e miglio ci danno dentro con le calorie e gli zuccheri, ihihih... sono finti salutisti :D

      Elimina
  13. direi che alla fine ti sei fatta una bella coccola...ora tocca a noi...

    RispondiElimina

La golosità aumenta ad ogni commento! :)