martedì 25 settembre 2012

Batatas al forno

©ricetteveg.com
Ipomea Batatas*, ovvero patata dolce ovvero patata americana... l'esperimento goloso della settimana. Ebbene, dopo un breve periodo di silenzio eccoci nuovamente con i mestoli super attivi a condividere con voi l'ultima prodezza culinaria a fatica quasi zero: le patate dolci croccanti. Geniali, stupende se fatte in piccoli pezzetti da sgranocchiare come aperitivo, oppure come contorno stravagante. Insomma fanno tutto da sé, a noi tocca solo di decidere quando sbafarle :) Buona lettura!

Ingredienti
3 patate americane di medie dimensioni
1 spicchio di aglio
farina di mais fine q.b.
odori a piacere q.b. (timo, rosmarino, alloro, origano e via dicendo)
sale integrale in fiocchi q.b.
olio evo q.b.

Nulla di più elementare: anzitutto lavare le patate dolci, quindi con una spugnetta metallica per pentole (nuova, mi raccomando) grattare la superficie sinché il primo strato di buccia (quello rosso e sottilissimo, per indenderci) non sarà stato eliminato. A questo punto tagliare le patate in rondelle spesse un centimetro, porle in una ciotola e massaggiarle con un poco di olio in modo das ungerle lievemente in maniera uniforme.
Impanarle ora con la farina di mais, precedentemente salata ed aromatizzata degli odori preferiti, quindi irrorare di olio evo, aggiungere qualche odore ed un pezzetto di aglio schiacciato, salare ed infornare in una teglia rivestita di carta forno per circo 40 minuti a 220°, avendo cura di voltarle ogni dieci minuti perché la superficie a contatto con la teglia potrebbe caramellare troppo e tendere al bruciato. Controllarne la cottura con uno stuzzicadenti: dovranno risultare molto croccanti all'esterno e morbide, quasi pastose, all'interno.
Servire bollenti o tiepide, a seconda della golosità dei commensali!

*Ipomea Batatas = ovvero la più comunemente detta "patata americana". Si tratta di tuberi che nulla hanno a che vedere con le normali patate, né tantomeno con il topinabur, con cui spesso si possono confondere. Le - altresì dette - patate dolci, che contengono molti zuccheri sotto forma di carboidrati e parecchio amido, trovano largo impiego nelle cucine di tutto il mondo: dalle preparazioni ovviamente dolci, sino a quelle salate, passando per il piccante e l'agrodolce.
Golosissime, possono essere degni ingredienti per moltissime ricette, badando però a non esagerare: 100gr di batatas, infatti, ci regalano ben 140kcal!

16 commenti:

  1. Io adoro queste patate, le ho scoperte da quando mi sono trasferita a Los Angeles, di solito sono buone anche semplicemente bollite, ma la tua ricetta mi stuzzica parecchio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. supercaliveggie, anche io le amo bollite! :D questa volta però volevo qualcosa che fosse degna di tag "pornofood" eheh :)

      Elimina
  2. Buone!!! Adoro le patate americane!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arianna provale, è una versione che le rende ancor più stuzzichevoli! :D

      Elimina
  3. eccola la ricetta!!! ti adoroooo!!!

    ah, non hanno solanina ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' in ritardo, ma alla fine ce l'ho fatta a postarla :D
      (niente solanina? ennò, hai ragione!!!) baci :*

      Elimina
  4. Mmmm mai mangiata ma l'aspetto è superinvitante!!! Proveremo! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale, sono golosissime... un inferno perché una tira l'altra ahahah!

      Elimina
  5. Ma sono semplici e sfiziose da preparare , peccato non trovare qui le patate americane... Adriano va' matto per le patate... Di sicuro gradirebbe moltissimo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh che peccato Cami, perché davvero sono super sfiziose a sforzo zero! Beh non si sa mai... magari le scovi da qualche parte! :*

      Elimina
  6. mmmmmmmmm!! e pensare che io le infilo nelle centrifughe, per sfruttare tutte le loro proprietà da crude! ma al prossimo acquisto un assaggio cotto lo faccio! ciao! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uhuhuh davvero?!? vedi che non si finisce mai d'imparare... devo sapere tutto sulle batatas crude!!! un bacio!!!

      Elimina
  7. buone le batate! mi hai fatto ricordare che devo comprarle nuovamente: le ho fatte solo una volta e son venute fuori delle chips fenomenali! immagino che con questa tua ricetta un po' più corposa venga fuori il loro vero gusto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la cosa che mi piace di più è che diventano croccantissime e salate fuori, mentre restano morbide, pastose e dolci dentro... sono una goduria, ihih :D

      Elimina
  8. a me piacciono, Maritino le detesta.....le riconosce anche camuffate.
    uffa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica, maritino non capisce un belin* ahahah :D
      E vorrà dire che ce le mangiamo io e te :*

      Elimina

La golosità aumenta ad ogni commento! :)